XYZ Da Vinci Junior Recensione

xyz da vinci junior

Punti di forza

  • Bel design
  • 4 modalità di stampa
  • La meno costosa

Punti da migliorare

  • Pesa 15 Kg
  • Lenta rispetto ad altre


La stampante 3D Da Vinci junior fa la sua comparsa sul mercato come dispositivo più economico della XYZ a meno di 400€ rubando il titolo al predecessore, il modello Da Vinci 1.0. Questo device si propone appunto come un dispositivo più economico in un mercato non ancora troppo popolare, forse dando un po' troppo peso al prezzo a discapito della qualità.

Caratteristiche tecniche XYZ Da Vinci Junior: una stampante 3D economica

La struttura ha un ingombro in linea con la concorrenza di 42 x 43 x 38 cm e nonostante si presenti come una stampante “light” pesa quasi il doppio dei suoi concorrenti di alta gamma con i suoi 15kg. La grandezza massima di una stampa è di 15x15x15 cm e l'intero processo è affidato ad un estrusore singolo che promette di essere facilmente smontabile e particolarmente facile da pulire. Non ci si può lamentare per quanto riguarda il rumore prodotto dalla stampante in quanto si presenta con un case che la racchiude completamente (ad eccezione di uno sportello apribile) e ne smorza il suono.

Per quanto riguarda il design complessivo, si può apprezzare il colore (molto presente nella struttura e a scelta) e la forma generale, ma, è da criticare il fatto che forse sono stati un po' trascurati i materiali della scocca esterna.

La stampante è  già pronta a stampare non appena aperto l'imballaggio, infatti è completamente assemblata e la bobina è compresa nel pacco. Anche la calibrazione promette di essere già perfezionata per quanto riguarda assi X e Y.

da vinci junior in azione

Una particolarità di questa macchina riguarda le ricariche di materiale, che, metteranno a disposizione oltre alla classica bobina, anche delle cartucce che si interfacceranno automaticamente con la stampante (un po' come fanno le stampanti classiche) e interromperanno le stampe in caso finisca il materiale. Anche se la XYZ è un passo avanti da questo punto di vista ne fa due indietro utilizzando come unico materiale il PLA e come se non bastasse è utilizzabile esclusivamente filamento di un particolare formato proprietario.

La stampante ha 4 modalità di stampa: Fine 0.1 mm (100 micron), Standard 0.2 mm (200 micron), Veloce 0.3 mm (300 micron), Ultra Veloce 0.4 mm (400 micron). Nonostante la stampa a 100 micron sia utilizzata anche dalle top di gamma e che quindi non sia criticabile, il risultato complessivo non sarà certamente una stampa precisa, e nemmeno veloce, purtroppo infatti la Da Vinci Junior è una maccina molto lenta rispetto alle concorrenti.

Il software XYZware (comune alle altre stampanti della XYZ) è compatibile con MAC e Windows e lavorerà con i formati .stl e XYZ (.3w). Questo programma offre un sacco di features interessanti anche se non è troppo apprezzato dalla community.

Le connessioni con la stampante avvengono tramite SD (che supporta anche schede SDHC fino a 32GB) e USB 2.0. Quest'ultima è sconsigliata dato che il PC dovrebbe essere sempre collegato è il trasferimento dei dati è molto lento. L'interfaccia con l'utente invece viene affidata ad uno schermo 2.6” LCD.


Filamento per XYZ Da Vinci Junior

jr PLA filamento XZY Da Vinci Junior

Filamento proprietario della XYZ garantisce massima compatibilità con la stampante Da Vinci Junior. Di tipo PLA, ha un diametro di 1.75 mm e una texture luminora. Fatto interessante è l'odore zuccherino che si sprigiona durante la stampa.


In conclusione

Tutto sommato questa stampante è adatta appena agli utenti che si avvicinano alla stampa 3D per la prima volta e che non hanno a disposizione un budget esagerato. Ad oggi sono comunque disponibili stampanti con un decisamente migliore rapporto qualità prezzo ad un costo poco più alto della Da Vinci Junior come la CTC bizer per esempio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *